Abruzzo: concessioni balneari, il comune avvia le proroghe

incontro con gli operatori per la stagione

L'estate è ancora lontana, ma i balneatori e l'amministrazione comunale sono già al lavoro per promuovere turisticamente la costa adriatica, anche in sinergia con gli altri comuni abruzzesi. Portato a casa il successo dell'estensione delle concessioni demaniali per ulteriori 15 anni, previsto nell'ultima legge di bilancio, gli operatori del settore possono ora agire con maggiore tranquillità e pianificare le attività anche a lungo termine. Proprio in vista di questa novità che il Comune ha recepito con solerzia, ieri mattina i rappresentanti delle sigle dei balneari si sono riuniti a palazzo di Città su invito dell'amministrazione comunale.

 

A partecipare alla riunione, convocata dal sindaco Francesco Maragno, dall'assessore al demanio Annalisa Ðøïî, dal dirigente di settore Valeriano Mergiotti, sono stati i rappresentanti delle associazioni Assobalneari-Confindustria, Fiba-Confesercenti, Sib-Confcommercio e Cna Balneatori.

 

La Regione nei giorni scorsi ha inviato ai Comuni costieri una determina per disciplinare in modo uniforme le procedure di estensione di 15 anni delle concessioni demaniali marittime, e il Comune di Montesilvano ha ufficialmente avviato l'iter di estensione di tali titoli. «Contatteremo tutti i concessionari per consegnare loro l'estensione dei titoli in ossequio alla nuova normativa», ha annunciato il primo cittadino.

 

«La Regione», ha commentato Ottavio Di Stanislao, Assobalneari Confindustria, «è stata la prima ad adottare la determina, rispondendo positivamente alle nostre sollecitazioni. Il Comune di Montesilvano, che oggi di fatto avvia ufficialmente l'iter necessario, è quindi il primo Comune ad avviare una politica di estensione delle concessioni generalizzata. Questo non può che essere fonte di soddisfazione per noi operatori». La riunione ha rappresentato anche l'occasione per gettare le basi per una programmazione turistica a più ampio raggio, come ha spiegato Maragno: «L'idea è quella di estendere questo lavoro sinergico a tutta la costa abruzzese.

 

Ecco perché abbiamo deciso di convocare un tavolo tecnico con tutti i sindaci della costa, oltre che ovviamente con le associazioni di categoria e datoriali. È proprio dalle loro sollecitazioni, infatti, che è possibile costruire una progettualità ampia e capillare». Soddisfazione per l'iniziativa è stata espressa da Riccardo Padovano della Sib Confcommercio: «La volontà di convocare un tavolo che riunisca tutti i sindaci della costa», ha evidenziato, «è il segnale di un cambiamento per ragionare nell'interesse generale della costa abruzzese, mettendo attorno a un unico obiettivo gli interessi comuni di qualsiasi colore».

 

stralcio da IlCentro