Il Comune di Vasto promotore di una iniziativa di grande rilievo

con la collaborazione di Fiba e altri sindacati di categoria

Riconoscere pari dignità alle concessioni demaniali  stagionali (i cosiddetti “ombreggi”) ed estenderle fino al 2033,  come quelle pluriennali. E’ l’obiettivo che l’amministrazione comunale vuole perseguire con la collaborazione dei sindacati di categoria (Fiba, Fiab e Sib) e dei legali dei concessionari.

 

Un percorso lungo e non certo privo di difficoltà delineato ieri nell’aula consiliare dal sindaco Francesco Menna. Affiancato dal dirigente Luca Mastrangelo, dalla funzionaria dell’ufficio demanio, Silvia Celenza e dall’assessore Paola Cianci, il primo cittadino ha reso noto il contenuto di una delibera – che verrà portata a breve in giunta – la cui finalità è quella di incardinare tavoli di lavori specifici sul tema, uno locale e l’altro romano.

 

Alla conferenza stampa erano  presenti, oltre  ad un gruppo di operatori balneari, anche gli avvocati Giuseppe Gileno e Paolo Muratore e i rappresentanti di Fiba-Confesercenti,  Simone Lembo, della Fiab-Cna, Luciano Fiore e della Sib-Confcommercio, Marco Del Casale.

 

“La norma non è chiara”, ha esordito Menna, “non si capisce se l’intento del legislatore è quello di equiparare i titolari delle concessioni demaniali stagionali a quelli pluriennali. A nostro avviso fanno parte della stessa famiglia. Hanno quindi pari dignità. Proprio per questo abbiamo predisposto una delibera che prevede l’insediamento di un tavolo che porti a riconoscere il lavoro che gli operatori stagionali portano avanti da 15 anni.

 

Chiederemo subito un incontro con l’ufficio legislativo della Regione e con i rappresentanti istituzionali a Roma: il senatore Luciano D’Alfonso, il sottosegretario ai rapporti con il parlamento Gianluca Castaldi e la deputata Carmela Grippa. Quella che vogliamo avviare”, aggiunge il sindaco, “è una cooperazione tipica del modello romagnolo. Vogliamo unire le forze per raggiungere l’obiettivo”.

 

In questa partita che riguarda 22 titolari di concessioni stagionali ( a cui si aggiungono i 47 delle concessioni pluriennali), il Comune non è solo. Al suo fianco ci sono le associazioni di categoria che si battono per tutelare i diritti dei loro associati.

“E’ una iniziativa lodevole”, commenta Del Casale della Sib-Confcommercio, “forse Vasto è il primo comune a livello nazionale che ha avviato questo percorso. Daremo tutto l’appoggio”.

 

Sulla necessità di garantire i servizi turistici anche in previsione della pista ciclopedonale della Via Verde  ha insistito Lembo della Fiba-Confesercenti. Mentre Fiore della Fiab-Cna ha parlato di “un primo passo” verso la soluzione di un problema complesso.

Per l’avvocato Gileno quella del Comune “è una netta presa di posizione in favore degli operatori del settore, senza alcuna distinzione”.

 

Stralcio da piazzarossetti.it