In Abruzzo le prime concessioni al 2033

A Francavilla e Torino di Sangro il primato nazionale della consegna dei titoli. Fiba: «Un esempio per tutti i Comuni»

Sono abruzzesi i primi due Comuni italiani a rilasciare le concessioni balneari con scadenza 2033: si tratta di Francavilla al Mare e Torino di Sangro, entrambi in provincia di Chieti. Lo hanno annunciato ieri con grande soddisfazione i presidenti regionali delle due associazioni di categoria degli operatori balneari, ovvero Giuseppe Susi (Fiba-Confesercenti) e Riccardo Padovano (Sib-Confcommercio).

 

«Le prime concessioni con scadenza 2033 sono state rilasciate in Abruzzo dai Comuni di Torino di Sangro e Francavilla al Mare», spiegano Susi e Padovano. «Il sindaco di Torino di Sangro Nino Di Ponsò ha convocato tutti i concessionari sabato mattina (domani, ndr) nella sala consiliare per la riconsegna dei titoli.

 

A nome dell'intera categoria ci sentiamo di esprimere un profondo apprezzamento per il lavoro svolto dal direttore del Dipartimento turismo della Regione Carlo Amoroso, dal funzionario del Demanio marittimo Ettore Mantini e dalle amministrazioni comunali che, in tempi ristretti, sono riusciti a concludere le procedure di rilascio.

 

Auspichiamo che questo rappresenti un esempio per tutti i Comuni abruzzesi: la nuova durata della concessione (quasi 14 anni) darà certezza alle imprese rilanciando gli investimenti fermi oramai da troppi anni», hanno concluso Susi e Padovano.

 

Il sindaco di Francavilla Antonio Luciani, che ha seguito in prima persona l'iter per la consegna di certificati e degli atti necessari ai balneatori per chiedere le concessioni, attende che tutti e 60 gli imprenditori balneari francavillesi ricevano il titolo di concessione prima di organizzare un incontro insieme a loro e ai rappresentanti della categoria.

 

 

 

Stralcio da CentroChieti