Romagna: spiaggia ed erosione Pronto un progetto da 50 milioni di euro

Chiusura dei varchi, con lavori appaltati e già cantierabili, da effettuare a Udo Scacchi, nel tratto antistante il camping Florenz, per una spesa di 540mila euro, con consegna lavori entro metà aprile e da effettuare in 60 giorni. Un intervento da monitorare, della durata di tré anni ma già entro sei mesi si potrà capire se l'intervento sarà efficace. Ed ancora, entro la metà di aprile inizieranno anche i lavori con interventi di ripascimento dell'arenile, da finanziare con parte dei fondi regionali di 1OOmila euro disponibili per l'effettuazione di interventi "di somma urgenza". Iniziando dai tratti di costa più penalizzati dalle ultime burrasche come Lido Volano e Lido Nazioni, ma anche in altri tratti della costa comacchiese.

 

Ma, soprattutto, l'adozione di un masterplan «un vero e proprio piano regolatore per la costa della provincia», che vale 5O milioni di euro, in grado di affrontare in modo riso lutivo ad ampio respiro, le tante emergenze di tutta la costa, «adottando interventi strutturali, realizzati a lotti funzionali, quindi già operativi».

 

Questo progetto complessivo di difesa della costa dalla foce del Reno a quella del Volano, «da realizzare in dieci anni», sarà presentato a Comacchio dell'assessore regionale, Paola Gazzolo, tra fine aprile e inizio maggio prossimi.

 

Sono state le rassicuranti informazioni illustrate ieri, dal dirigente regionale del settore, Claudio Miccoli, nel corso di un incontro con gli operatori al Bagno Orsa Minore di Lido Nazioni. Erano presenti, Nicola Bocchimpani per il Consorzio As Balneari Lido Pomposa-Lido Scacchi, Roberto Bellona per la Confesercenti, Davide Bottoni vicepresidente per Lido Volano, Gianni Nonnato, presidente del Consorzio di Udo Nazioni e Valentino Roma.

 

Così, il dirigente regionale dell'Agenzia sicurezza territoriale e protezione civile, servizio area Reno e Po di Volano, ha illustrato lo sforzo finanziario messo in campo dalla giunta regionale, consapevole dell'enorme stato di difficoltà in cui versa questo tratto di costa regionale a causa delle burrasche sempre più violente, che stanno mettendo in ginocchio le attività economiche del settore. I rappresentanti di categoria e di consorzi presenti che hanno espresso a Muccoli la necessità di effettuare interventi tempestivi ma, soprattutto, risolutivi nel tempo.

 

 

Stralcio da NUOVA FERRARA