San Benedetto: Posaceneri eliminati sotto l`ombrellone

Ma le multe scatteranno solo nel 2020

Il sindaco incontra i rappresentanti degli chalet per il fumo in spiaggia, stop anche alle sigarette elettroniche.

 

Via i posacenere dagli ombrelloni. Sarà questa la prima mossa per disincentivare il fumo in spiaggia, anche quello delle sigarette elettroniche, nonostante il rischio di ritrovarsi con l'arenile trasformato in un cimitero di cicche spente sotto la sabbia. Inoltre saranno previste sanzioni da 25 a 50 euro anche se per quest'anno non verranno elevate.

 

Argomento che è stato affrontato ieri mattina in un incontro tra l'amministrazione comunale e gli operatori balneari. Le motivazioni L'estate 2019 sarà la prima stagione in cui il fumo in spiaggia non sarà perseguito ma vietato. Il regolamento prevede l'emissione di multe anche se l'amministrazione per quest'anno non intende adottare il pugno duro. Quindi l'anticipo di un divieto che probabilmente arriverà il prossimo anno. Nel frattempo i fruitori dovranno essere educati, da qui l'opera dei concessionari di spiaggia ad allestire chalet a misura di fumatore, con cartelli che vietano il fumo, ma soprattutto creare zone attrezzate con tanto di portacenere dove turisti e bagnanti potranno fumare in libertà.

 

Di conseguenza far sparire i posacenere sotto l'ombrellone per disincentivare il fumo sull'arenile, sperando nella civiltà dei fumatori affinchè non lascino le cicche sotto la sabbia. Ieri mattina il sindaco Pasqualino Piunti, affiancato dal consigliere Emidio Del Zompo e dal dirigente dell'Urbanistica Germano Polidori, ha incontrato Maria Angellotti per Sib Confcommercio, Giuseppe Ricci per Itb e Serafino Bernardini per Fiba Confesercenti.

 

«Ho invitato i concessionari a collaborare all'attuazione di questo provvedimento - ha spiegato Piunti - che non solo vuole essere un gesto di attenzione verso i non fumatori, soprattutto i più piccoli visto che siamo insigniti della Bandiera Verde di spiaggia a misura di bambino, ma intende dare attuazione agli impegni che abbiamo assunto con l'acquisizione della Bandiera Azzurra della Fidai per la promozione di stili di vita più sani. Senza dimenticare che provvedimenti del genere sono da tempo in vigore in località che vantano grandissimo ri scontro pubblicitario a livello nazionale e intemazionale ealle quali intendiamo allinearci.

 

Abbiamo scelto la strada della modifica regolamentare piuttosto che quella dell'ordinanza perché contempla sanzioni amministrative e non di carattere penale. Vorremmo insomma che, almeno per questo 2019, l'approccio a questa regola di civiltà fosse ispirato più al buon senso che alla repressione».

 

Il primo cittadino ha spiegato che nella prossima seduta del consiglio comunale, prevista per il 15 giugno, andrà in discussione la modifica al "Regolamento sull'utilizzazione del litorale marittimo per finalità turistiche e ricreative" che stabilirà il divieto di fumare, anche sigarette elettroniche, nel tratto che va dall'arenile fino all'ultima fila di ombrelloni.

 

In pratica, sarà consentito fumare solo negli spazi attrezzati degli stabilimenti. Regolamento propedeutico alla legge regionale che sarà approvata il prossimo anno e che prevede anche l'emissione di multe salate. 

 

Stralcio da CORRIERE ADRIATICO FERMO