Spiaggia in Liguria: sigarette vietate

Intervista a Gianmarco Oneglio

La prima spiaggia in Liguria completamente "smoke free" sarà a Vernazzola, nell'estate 2019. Dall'inizio della stagione balneare, ha stabilito il Municipio Levante con un provvedimento approvato all'unanimità, partirà la sperimentazione per cui su quella spiaggia, e probabilmente su alcune altre, non si potrà fumare.

 

La mozione è stata presentata dal consigliere leghista del Municipio, Samuele Aiesi: «Cominceremo da una spiaggia, e l'iniziativa sarà in via sperimentale - spiega il giovane consigliere - se funzionerà, puntiamo ad estenderla». pagina VII Intervista «Cosa si vuoi fare? Arrestare i fumatori in costume da bagno che non rispettano l'ordinanza?».

 

Gianmarco Oneglio, presidente regionale dei balneari di Fiba Confesercenti è allibito dall'apprendere la stretta su chi fumerà in spiaggia che, per ora sperimentale nel Levante genovese, potrebbe diventare un divieto tassativo, come in Veneto.

 

Presidente, perché non le piacciono le spiagge "smoke free"? «Le ordinanze dovrebbero essere fatte per questioni di Gianmarco "Le ordinanze non servono basterebbe ¡I buon senso" grande serietà e sono regolamentate da un testo unico. Penso che le persone debbano seguire le giuste regole del vivere comune. È ovvio che certi comportamenti vanno rispettati a priori: non fumare vicino ai bambini, alle donne incinte, ma tutto questo è già normato dalla legge statale sul fumo negli spazi pubblici».

 

Il consigliere leghista Aiesi del Municipio Levante dice che il buon senso non basta: servono regole. «Se cominciamo a mettere norme anche su questo, si dovrà fare un'ordinanza sindacale anche su come stare in coda all'ufficio postale. L'essere umano nel 2019 deve riuscire a darsi da solo delle regole. Alcuni stabilimenti hanno già organizzato aree appartate in cui fumare, del resto. Spendiamo, come categoria, molti denari per raccogliere le richieste dei nostri clienti e questa del divieto di fumo non è mai tra le prime dieci».

 

E quali richieste ricevete? «Aumentare i servizi di salvataggio, quelli di ristorazione. Aumentare la distanza tra gli ombrelloni. Potenziare il wi-fi. Per tutto il resto, c'è il buon senso».

 

 

Stralcio da Repubblica Genova